(Ultimo aggiornamento automatico: 46 minuti fa)

Su Amazon i prezzi cambiano in fretta, anche più volte al giorno. Il nostro sistema automatizzato controlla i prezzi ogni ora per scovare le migliori offerte temporaneamente attive.
Se trovi un modello che ti piace approfittane!

1
KQi2 Pro
  • fullfullfullfullempty
  • €€€€
  • 25 Km/h
  • 40 Km
  • 7 ore
  • 365 Wh
  • 15°
2
2xE Adventurer
  • fullfullfullhalfempty
  • €€€€€
  • 25 Km/h
  • 45 Km
  • 7 ore
  • 374 Wh
  • 18°
3
MAX G30LE
  • fullfullfullfullhalf
  • €€€€€
  • 25 Km/h
  • 40 Km
  • 6.5 ore
  • 367 Wh
  • 20°
4
Mi Electric Scooter Pro 2
  • fullfullfullfullhalf
  • €€€€€
  • 25 Km/h
  • 45 Km
  • 8-9 ore
  • 446 Wh
  • 20°
5
2XE Camou
  • fullfullfullhalfempty
  • €€€€€
  • Risparmi 168,99€ (sconto -21%)
  • 25 Km/h
  • 45 Km
  • 5 ore
  • 461 Wh
  • 26°

I monopattini elettrici con autonomia di 40 km sono tra i più venduti per varie ragioni: in primo luogo, coniugano in maniera eccellente ottime prestazioni a comodità e leggerezza; inoltre, pur offrendo tutti i comfort dei monopattini di alto livello, hanno prezzi decisamente più competitivi.

Proprio per questi motivi il mercato offre centinaia di modelli di questo tipo, ed è quindi facilissimo incorrere in trappole o semplicemente farsi abbagliare da fattori poco importanti, non considerando gli elementi fondamentali di un buon monopattino elettrico.

Analizziamo insieme le caratteristiche di un buon monopattino, sperando di aiutarvi a fare chiarezza.

FRENI E RUOTE

Gli pneumatici ed il sistema frenante che compongono il nostro monopattino sono due elementi di fondamentale importanza per avere una guida piacevole e sicura.

Per quanto riguarda le ruote, la scelta è piuttosto semplice: tassellate, con un diametro di (almeno) 8,5-9” a camera d’aria o tubeless, per garantire ottime prestazioni su strade dissestate. In alternativa vi sono le ruote solide (o gomme piene), difficili da forare ma con minor grip sul terreno.

Il sistema frenante, strettamente legato a pneumatici e comfort di guida è più variegato e può comporsi di diversi tipi di freni anteriori e posteriori: meccanico (a pedale), elettrico, rigenerativo, a disco, a tamburo.

Possiamo certamente affermare che i freni a disco sono i migliori per leggerezza e capacità di arresto, non per niente li troviamo sui monopattini elettrici di fascia alta e ad alte prestazioni.

In alternativa, una buona scelta è il freno a tamburo che è posizionato all’interno del mozzo della ruota, non è leggerissimo ma mantiene prestazioni ottimali anche sul bagnato.

I freni a pedale ed elettrico sono meno performanti, dunque meglio che ve ne sia solo uno dei due a completare il sistema frenante (eventualmente il freno elettrico anteriore).

MOTORE E BATTERIA

Per quanto riguarda invece potenza e resistenza del nostro monopattino, dobbiamo analizzare il suo cuore pulsante: il motore e la batteria.

Se vogliamo un monopattino che abbia un’autonomia di 40 km, assicuriamoci che la sua batteria agli Ioni di Litio sia ricaricabile, in modo da poterla utilizzare molte volte.

Di norma, la batteria è collocata sotto la pedana, coperta adeguatamente da urti e danneggiamenti.

Per quanto riguarda il motore consigliamo, per questo tipo di monopattino, un motore Brushless da 250W a trazione posteriore: in questo modo sopporterà sia dislivelli con angoli di pendenza fino a 20° circa, che un peso di 80-90 kg, senza ridurre le sue prestazioni, poiché il carico risulterà ben distribuito su tutto il monopattino.